top of page
  • Immagine del redattorefedecaglioni

Voldemort: Origins of the Heir [2018]

Buongiorno 😊

Oggi vi porto alla scoperta del mondo (ormai non più) nascosto dei video realizzati dai fan di un determinato prodotto. Più che video, si tratta di un vero e proprio film, prequel di Harry Potter!


Titolo Voldemort: Origins of the Heir Regia Gianmaria Pezzato Anno 2018 Genere Fantastico Lingua Inglese Paese di produzione Italia Soggetto J. K. Rowling (personaggi) Sceneggiatura Gianmaria Pezzato


Autoprodotto dalla Tryangle Films con soli 15000€ di budget (raccolti con una campagna di crowfinding), questo mediometraggio sulla nascita e l’ascesa di Lord Voldemort prima degli eventi narrati nella saga di Harry Potter parla interamente italiano! Eh sì, perché nonostante il titolo richiami l’Inghilterra e la Warner Bros., il film è in realtà frutto del genio nostrano e della bravura di Gianmaria Pezzato e Stefano Prestia, le menti dietro alla casa di produzione indipendente Tryangle Films. E non ha nulla da invidiare alle grandi case di produzioni hollywoodiane. Anzi, ha tanto da insegnare! Tutto è fan-made, compresa la storia (ispirata ovviamente alle informazioni su Lord Voldemort che J. K. Rowling ha sparso nei suoi libri), e per una volta è il tanto temuto Tu-sai-chi a tenerci incollati allo schermo! L’Auror Grisha McLaggen, ultima erede di Godrick Grifondoro, cerca disperatamente di entrare in una sede degli Auror in Unione Sovietica, per recuperare qualcosa di molto potente e a cui il Signore Oscuro sta dando disperatamente la caccia: il diario di Tom Riddle! Catturata all’interno della sede e sottoposta al Veritaserum, Grisha racconta i suoi anni di scuola, l’amicizia con Tom e con altri due studenti, tutti rispettivamente eredi dei quattro grandi fondatori di Hogwarts, arrivando fino al motivo del suo furto: impedire a Voldemort di trasformare il diario in un Horcrux.

Questa la trama generale e in questa spaccatura nel passato da studente di Tom Riddle emerge una storia che non solo è intrigante (tiene incollati allo schermo ed è davvero avvincente), ma che nemmeno delude dal punto di vista degli effetti speciali, delle ambientazioni e di tutti quei dettagli che ormai riconosciamo come tipici dell’universo creato da J. K. Rowling (come i giornali e le fotografie che si muovono, gli incantesimi, ecc.). Tutto è ben ricreato, dalle divise ai luoghi dentro e fuori Hogwarts, fino al mondo magico e babbano degli anni ‘50, in cui gli attori (anche qui, tutti italiani) recitano e interpretano alcuni eventi della vita di uno dei più conosciuti cattivi letterari degli ultimi vent’anni, in un’ambientazione magica che però non si allontana dal nord Italia. Imprecisioni ce ne sono, ovviamente, come il doppiaggio fuori sincro, che rende la recitazione non così godibile dal punto di vista dell’intrattenimento. Si sente che non c’è un super team alle spalle che ne cura i dettagli (e con “super” intendo numeroso e con a disposizione budget stellari, non più capace/migliore), però la realizzazione e l’idea regalano comunque un buon prodotto, che non mi ha delusa assolutamente (è migliore di Harry Potter and the Cursed Child, ad esempio) e che dimostra come di possa ottenere dei prodotti di qualità anche con cifre più ridotte.

E ora, dopo avervene parlato, vi lascio alla visione del film! Ebbene sì, potete vederlo, perché è stato distribuito gratuitamente su YouTube!

A domani Federica 💋


0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page