OnRainyDays_edited.jpg
  • fedecaglioni

Solo: A Star Wars Story

Buongiorno!

In questi ultimi giorni di Giugno, in cui gli ultimi esami all’università mi stanno dando del filo da torcere, arrivo con la recensione del film targato Disney che fa da riempitivo tra i capitoli della nuova trilogia di Guerre Stellari, uscito nelle sale questo mese.



Il secondo spin-off della nuova trilogia di Star Wars, preceduto da Rogue One giusto due anni fa, vede come protagonista niente po’ po’ di meno che il celebre Han Solo, capitano della nave spaziale Millennium Falcon con Chewbecca. Un momento… In realtà in Solo: A Star Wars Story non c’è nulla di tutto questo. O meglio: non c’è ancora. Ambientato a pochi anni dalla nascita dell’Impero dei Sith, è su Corellia, pianeta gestito da bande criminali, che un giovane ragazzo di nome Han si destreggia in furti di ogni genere con la speranza di diventare un pilota e fuggire da lì con Qi’ra, la ragazza che ama. E quando quasi riescono a mettere in atto il loro piano di fuga, ecco che l’Impero li separa, costringendo Han a lasciarsi tutto alle spalle per sopravvivere. Ciò che gli resta è la promessa di tornare e riprendere Qi’ra.

Voi siete fan della serie di Star Wars? Io l’adoro, soprattutto la trilogia iniziata nel 1975!

Adesso vado, che l’esame di oggi mi attende!

A presto Federica 💋

#StarWars #fantascienza #SoloAStarWarsStory #RonHoward #avventura #recensione #film

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti