OnRainyDays_edited.jpg
  • fedecaglioni

[Recensione] "Nemici con benefici" di Roxie Noir

Buongiorno e buon lunedì!


Quest'ultima settimana di settembre sarà davvero piena e parte con il botto, raccontandovi i primi due volumi di una serie che mi sta piacendo tantissimo. Oggi iniziamo con il primo: Nemici con benefici!

Titolo

Nemici con benefici

Titolo originale

Enemies With Benefits

Autore

Roxie Noir

Traduzione

ElleBi Translations

Serie

Loveless Brothers #1

Editore

Heartbeat Edizioni

Pubblicazione

Settembre 2022

Genere

Romance contemporaneo

Formato

Cartaceo (18,29€)~ Digitale (2,99€)

Pagine

444

Acquisto

Sito editore

Non lo amo.

Non mi piace nemmeno.

Eppure lo voglio.


Eli Loveless è il mio più grande nemico fin dall’asilo. Qualunque cosa io faccia, lui vuole farla meglio – e viceversa. Il giorno in cui ha lasciato la città è stato il migliore della mia vita. Dieci anni dopo, il giorno del suo ritorno è stato il peggiore.E ora siamo perfino colleghi. Il nuovo Eli, quello cresciuto, è sexy come il peccato. Più caldo dell’asfalto sotto il sole cocente d’estate. Il ragazzino irritante che conoscevo è sparito per lasciare il posto a un uomo dagli occhi verdi, gli addominali scolpiti e il sorriso impertinente. Odio desiderarlo. E quel che è peggio è che lui desidera me. Ci scambiamo occhiate e sorrisini, alcuni dei quali sono in grado di incendiarmi le mutandine. E alla fine, un bacio sfocia nella notte migliore della mia vita. Cosa può fare una ragazza quando l’uomo che odia è anche quello che desidera di più? Iniziare una relazione da nemici-con-benefici, ovvio. Niente appuntamenti. Nessuna relazione seria. Solo sesso da capogiro. Perché se c’è una persona di cui non mi innamorerò mai, quella è Eli Loveless. O forse no?

Violet sta passando il peggior appuntamento della sua vita: non solo Todd è scortese con chi lavora, ma quando scopre che non ci sarà un seguito alla cena decide di sparire e di lasciarla da sola a pagare il conto. Peccato che abbia dimenticato il portafogli chissà dove e che quindi si ritrova a dover lavare i piatti come culmine della serata peggiore di tutte.

Anzi no, c’è ancora margine per peggiorare perché, con sua enorme sorpresa, lo chef del ristorante è una sua vecchissima conoscenza: sbucato dal passato dopo dieci anni di viaggi in giro per il mondo, Eli Loveless è ancora una spina nel fianco. Odioso come pochi, incapace di perdere una sfida o di lasciar cadere una provocazione se si tratta di Violet, Eli si dimostra sempre e comunque la sua nemesi, nonostante sia diventato un uomo attraente e fuori dal comune. Oltre che uno con cui è impossibile non litigare, anche quando sta cercando di darle una mano.

Non che per Eli sia facile, soprattutto perché non gli sembra vero che la prima persona incontrata in città dopo il suo ritorno sia Violet Tulane, la ragazzina pelle e ossa con la quale non ho fatto altro che discutere e competere per tutti gli anni di scuola, la stessa che l’ha trattato peggio di chiunque altro e che, sorpresa delle sorprese, è diventata una donna sexy e impossibile da ignorare.

Forse possiamo lasciarci il passato alle spalle. Forse Eli e io possiamo coesistere pacificamente come adulti.

Sempre in disaccordo tra loro, Violet ed Eli sono però d'accordo sull'ignorarsi a vicenda e sull'evitarsi il più possibile adesso che entrambi vivono nella stessa piccola città della loro infanzia. Peccato che, proprio perché si trovano in una città veramente minuscolo, il nuovo chef executive della società che organizza matrimoni per cui Violet lavora non sia nessun altro che Eli! Costretti a lavorare insieme, tra sotterfugi e sfide continue, quest'improbabile coppia di rivali si trova a dover collaborare quando viene messo in palio un premio in denaro e qualcuno tra i loro colleghi a tutta l’intenzione di sabotare il loro lavoro.

Non si sopportano, lo sanno da sempre, eppure la tregua serve per un bene superiore. Ma tra una sfida a bowling, una torta che rischia di crollare e un bacio dato per sbaglio, la vita di Violet ed Eli, due super nemici conclamati e senza speranza, subisce una svolta che non avevano affatto previsto. Trascinati da una chimica senza precedenti in un rapporto che nessuno dei due vuole perché tanto lo sanno che non si sopportano e che, presto o tardi, finiranno per litigare di nuovo, questa coppia di nemici metterà in discussione tutto ciò che hanno passato negli anni davanti a come tutto cambia quando decidono di cedere ai “benefici” della loro particolare – e inesistente – amicizia.

Mi sento piccola e insignificante. Radicata come un albero, bloccata nel terreno, condannata a rimanere nello stesso punto dall’alba al tramonto, ogni giorno, finché non avvizzirò e morirò.

Classico romance moderno con doppio punto di vista lei/lui, Nemici con benefici è una storia frizzante e intensa, anche nell’aspetto romantico de nelle scene hot tra Eli e Violet, che porta avanti una storia il cui aspetto centrale è: il passato ci ha forgiato, ci ha resi chi siamo adesso e soprattutto ci ha portati ad avere un tipo di rapporto che forse non potremo mai cambiare, quindi come reagiamo a ciò che sta accadendo? Ci adattiamo o finiamo a litigare e odiarci come sempre?

Tra Eli e Violet esiste questa dinamica di continuo scontro che si basa su una rivalità giovanile, ma anche su tanti piccoli scherzi e screzi che hanno caratterizzato gli anni di scuola e che li hanno pian piano allontanati. Nonostante questo entrambi si rendono conto che le esperienze di vita hanno anche modificato la loro percezione della rivalità, portandoli forse a riconsiderarla alla luce di questo nuovo sviluppo romantico, o quantomeno all'attrazione, che c'è tra loro dal momento in cui si rivedono. Violet, una donna che non è cresciuta con un grande esempio d’amore o di famiglia, ha fatto della competitività il suo marchio di fabbrica, dell’eccellenza una via per emergere non solo dalla povertà in cui ha vissuto, ma anche dall’indifferenza di una madre che non è stata poi un granché. Violet, però, è anche gentile e compassionevole, disposta a rinunciare a qualcosa della sua vita se è meglio per gli altri. Tranne se si tratta di Eli Loveless.

È una sensazione calda e giusta, rilassante, come se una parte aggrovigliata di me si stesse srotolando lentamente per ritrovare il suo posto.

Cresciuto in una grande famiglia e con il desiderio di superare Violet Tulane, prima, e di andarsene da quella minuscola città, poi, Elijah Loveless è un uomo adulto che ha fatto centinaia di esperienze diverse negli ultimi dieci anni ma che ha sentito dentro di sé sempre un vuoto, una nostalgia verso qualcosa che non riesce a definire e che lo ha riportato a casa, nello stesso luogo in cui nulla sembra essere cambiato, ma dove è tutto diverso. Eli stesso lo è, e torna accanto a sua madre e ai suoi altri quattro fratelli (Levi, il maggiore, e poi Daniel, Seth e Caleb, tutti più piccoli di lui) per costruire qualcosa che gli dia uno scopo e che lo aiuti a trovare un senso al vuoto che sente. E che scompare quando litiga con Violet.

Date queste premesse, capite bene che ci troviamo davanti a un romance enemies-to-lovers (da nemici a innamorati) che fa scintille dall’inizio alla fine, dove i battibecchi non mancano ma sono accompagnati da attimi di passione e romanticismo che scaldano il cuore e che rendono la lettura un’esperienza divertente ma anche tanto, davvero tanto, coinvolgente, a cui fa da contorno tutta una serie di personaggi che aspetta solo di dire la sua e di appassionare come Eli e Violet.

E domani non vedo l'ora di parlarvi di Il mio finto fidanzato, il secondo volume, che racconta la storia di Daniel e Charlotte, un libro che è uscito proprio oggi!


Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti