top of page
  • Immagine del redattorefedecaglioni

Predestination

Ciao a tutti 😊

Il film di oggi è stato un azzardo, perché ho iniziato a vederlo quasi per scherzo e alla fine ho scoperto una storia fenomenale!


Titolo Predestination Regia Michael e Peter Spierig Anno 2014 Genere Fantascienza, thriller, drammatico Lingua Inglese Paese di produzione Stati Uniti d’America Soggetto Robert A. Heinlein (racconto) Sceneggiatura Michael e Peter Spierig


In questo intricato thriller fantascientifico, che ti trascina avanti e indietro nel tempo seguendo le indagini di un agente temporale per fermare un pericoloso omicida, a fare da fulcro è in realtà la storia incredibile di John, un uomo apparentemente come tutti gli altri ma la cui vita è inscindibilmente legata a quella dell’agente e del pericoloso omicida. Predestination è un film complesso, sia dal punto di vista narrativo, sia da quello della costruzione degli ambienti e dei momenti in cui la storia, in cui il filo conduttore è costituito dall’interesse che l’agente temporale senza nome (interpretato da Ethan Hawke) nutre nei confronti di due persone: John, un giornalista segnato da diverse tragedie, e Fizzle Bomber, pluriomicida che piazza bombe in luoghi super affollati.

Sin dall’inizio e dal primo incontro tra l’agente e John si avverte che la loro conversazione non è occasionale, che è il preludio a qualcosa di importante e centrale nell’altro filone del film; la caccia a Fizzle Bomber sembra partire dal racconto drammatico che è la vita di John, nato come Jane e sopravvissuto a delusioni e difficoltà insormontabili, e per buona parte del film (almeno per metà di esso) ci si interroga su come tutto sia legato. Poi la svolta improvvisa, e il coinvolgimento di John nei viaggi temporali, mette a segno l’elemento più geniale, secondo me, di tutto il film: il loop temporale. “È nato prima l’uovo o la gallina?” credo sia ciò che meglio descrive questo film, insieme a “È un serpente che si morde la coda”, perché si fa portavoce di un’incertezza filosofica in cui non è vero che passato, presente e futuro vadano messi sempre e solo in quest’ordine. Chi viene prima e chi dopo? Predestination mette in dubbio le nozioni di tempo classiche, affermando che chi siamo può essere determinato (un po’ paradossalmente) dalle azioni che compiremo in futuro! È geniale come film e come scelta narrativa, ma una volta svelata l’origine (anche se non si può proprio dire che un loop abbia un’“orine” in sé e per sé) di quella catena inscindibile che lega Jane a John, all’agente temporale e a Fizzle Bomber, si arriva a scoprire tutte le carte e i legami a quasi dieci minuti dal finale vero e proprio, un finale che, per questo, perde gran parte del suo potenziale smalto. Va visto sicuramente due volte: la prima per restarne scioccati e impressionati, la seconda per trasformare il film e accorgersi che, sin dall’inizio, ogni frase avrebbe potuto svelarci il finale.

Io vi consiglio assolutamente di vederlo! Credo proprio che non ve ne pentirete 😊

Questa settimana si chiude qui, visto che domani è festa e poi inizia il weekend! Passate un buon ponte (se lo fate!!).

A lunedì 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comentarios


bottom of page