top of page
  • Immagine del redattorefedecaglioni

BlacKkKlansman

Ciao a tutti!

Oggi scrivo un po’ più tardi del solito, ma solo perché questa mattina non sono riuscita a fare tutto con calma prima di uscire! Perciò dell’ultimo film di Spike Lee ve ne parlo ora!


Titolo BlacKkKlansman Regia Spike Lee Anno 2018 Genere Biografico, commedia, drammatico, poliziesco Lingua Inglese Paese di produzione Stati Uniti d’America Soggetto Ron Stallworth (libro) Sceneggiatura Spike Lee, David Rabinowitz, Charlie Wachtel, Kevin Willmott Cast John David Washington, Adam Driver, Laura Harrier, Topher Grace, Jasper Pääkkönen, Ryan Eggold, Paul Walter Hauser, Ashlie Atkinson, Corey Hawkins, Ken Garito, Robert John Burke, Harry Belafonte, Nicholas Turturro, Alec Baldwin, Isiah Whitlock Jr., muMs da Schemer


Anni ’70, nell’America scossa dalle lotte razziali e dai movimenti per il suprematismo bianco, a Colorado Springs Ron Stallworth è il primo rappresentante di una minoranza a fare domanda per entrare in polizia ed è, soprattutto, il primo afroamericano in un dipartimento interamente composto da agenti bianchi. Ambizioso e desideroso di dimostrare il proprio valore al di là del colore della propria pelle, di fronte a un razzismo dilagante e radicato, Stallworth chiede e ottiene di essere spostato dall’archivio prove al dipartimento di intelligence, dove, dopo una casuale lettura del giornale, si imbatte nel reclutamento pubblico del Ku Klux Klan.

E da una sua telefonata alla sede di zona del KKK ha inizio un’indagine sotto copertura che ha dell’incredibile: quella di un agente di colore nel più grande e famoso gruppo di odio verso tutto ciò che non è bianco, né protestante. Ma, per ovvie ragioni, Stallworth non può presentarsi agli incontri con gli altri membri ed è a questo punto che il suo personaggio si sdoppia, diventando il prototipo umano che il KKK venera e ricerca nella persona dell’agente Flip Zimmerman, un collega nel dipartimento di intelligence. Flip e Ron, il primo di persona, l’altro al telefono, si fondono nel membro del Ku Klux Klan Ron Stallworth e scavano all’interno di questa “associazione” per scoprirne i veri, violenti, propositi. Vietato il termine “klan” perché associato a momenti della sua storia universalmente bollati come deplorevoli, sanguinari e violenti, questa associazione appare sotto lo sguardo del vero Ron Stallworth (ricordo, e lo stesso fa il regista, che il film è tratto da una storia vera) e attraverso quello di Spike Lee come un covo retrogrado di ignoranza, di bassezza umana e di violenti cliché degni dell’ironia del personaggio Ron Stallworth, di una sua arguta derisione anche quando la tentazione sarebbe di una generale delusione, di un senso di impotenza di fronte alla crudeltà gratuita e gretta operata dai, a detta loro, veri americani.

La pellicola ruota attorno a temi profondi come l’odio razziale e le lotte politiche per l’uguaglianza, tuttavia lo fa mischiando ai toni seri del genere poliziesco e del thriller quelli più leggeri della commedia, alternando la risata all’incredulità di scene più tragiche, in un film che vuole ridicolizzare certi aspetti dell’ideologia del KKK e dei suoi appartenenti mentre punta il riflettore sull’allarmante serietà con cui questi ultimi portano avanti le loro convinzioni, i rituali e una mentalità basata sull’odio. Una mentalità che, se per Stallworth e per i suoi colleghi è oggetto di risate ma anche fonte di pregiudizi degradanti e assurdi, per i portabandiera della supremazia bianca non è che controproducente, capace solo di ritorcersi contro di loro, in un ultimo grande atto che dimostra tutta la loro piccolezza come esseri umani. Una caratteristica che, come mostrano le toccanti immagini finali, non si è affatto estinta e che è più che mai viva negli Stati Uniti di oggi.

È da vedere! Sul serio, perché è divertente, serio, spiazzante e ironico, il tutto unito in due ore. Merita e spero gli darete una possibilità, se ancora non lo avete visto.

Il mio primissimo film di Spike Lee e l’ho adorato 😊 E parlarvene è stato decisamente un bel modo di passare il Mercoledì pomeriggio, per me e spero anche per voi!

Buona continuazione di giornata Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page