top of page

Ragnarok [2020]

Buongiorno a tutti e buon lunedì!

Oggi recupero la recensione di una serie TV vista durante la quarantina, un prodotto nordico molto attento all’ambiente!


Titolo Ragnarok Ideatori Adam Price Paese Danimarca, Norvegia Anno 2020— Genere Fantastico, drammatico Stagioni 1 Episodi 6 Lingua Norvegese Cast David Stakston, Jonas Strand Gravli, Herman Tømmeraas, Theresa Frostad Eggesbø, Emma Bones, Henriette Steenstrup, Gísli Örn Garðarsson, Synnøve Macody Lund



Norvegia, dopo anni passati lontano dalla cittadina di Edda, Turid e i suoi due figli, Magne e Laurits, fanno ritorno nella piccola comunità da cui si sono allontanati dopo la morte del marito. Ma il ritorno, per loro che sono stati lontani così a lungo, non è facile, soprattutto per i due ragazzi, messi di fronte alla prospettiva di una nuova scuola, nuovi compagni e una vita che non sembra essere per nulla facile. A risentire di più del trasferimento nella vecchia cittadina è sicuramente Magne, affetto da disturbi dell’apprendimento che, sin da subito, lo isolano dal resto dei compagni di scuola, quando invece per suo fratello tutto sembra andare già per il verso giusto, lui che riesci a mimetizzarsi e ad adattarsi in qualsiasi situazione. Tornare a Edda, tuttavia, sconvolge l’esistenza di Magne in modi che nessuno, a maggior ragione lui, avrebbe mai potuto immaginare.

Dopo l’intervento di una misteriosa commessa del supermercato, nel giovane iniziano infatti a presentarsi diversi cambiamenti, soprattutto fisici, che lo renderanno attento alle precarie condizioni dell’ambiente cittadino e che gli permetteranno di opporsi in maniera decisa al pugno di ferro con cui la ricca famiglia degli Jutul sembra gestire ogni aspetto della comunità. La serie TV si basa ovviamente sulla mitologia norrena, tant’è che la cittadina in cui è ambientato fa riferimento ai tuoi testi in cui tale mitologia viene tramandata. Al centro delle vicenda c’è, ovviamente, il ritorno di Thor sulla terra per porre fine a Ragnarok, la fine del mondo che in questi otto episodi viene rappresentata da un inquinamento ambientale così elevato che minaccia la vita della comunità di questa cittadina. Tema principale è quindi un riequilibrio del rapporto tra uomo e ambiente, con l’intento di evidenziare i danni che uno sfruttamento non ecosostenibile del territorio genera, mostrando come il poco rispetto per il nostro pianeta porti alla luce problemi ben più gravi di quello che potremmo pensare e che comunque ci riguardano

direttamente. Dal punto di vista del tema, la serie è sicuramente ben fatta e interessanti. Tuttavia, la recitazione, i costumi e l’impianto narrativo lasciano un po’ a desiderare. Secondo me, questi tre aspetti non riescono a rendere credibile la commistione tra fantastico e coscienza ecosostenibili, perché viene a mancare un po’ un elemento di coesione capace di tenere insieme i due ambiti della serie tv. L’idea del dio Thor come novello vendicatore dell’ambiente è interessante, ma qui non è sfruttata appieno e non risulta poi così accattivante come appare a livello teorico. Un aspetto invece molto ben gestito è sicuramente quello della musica, che dà l’atmosfera giusta alle scene rappresentate e alla serie stessa. Anche il personaggio di Laurits non è niente male, ma credo dipenda dal fatto che sarà sviluppato come l’incarnazione del dio dell’inganno Loki e quindi esercita già di suo un certo fascino.

So che Netflix ha già annunciato la seconda stagione, che ovviamente guarderò anche solo per capire come andrà finire lo scontro tra Thor e i giganti di ghiaccio. Non mi ha entusiasmato moltissimo, ma ha un buon margine di miglioramento 😊 L’avete vista? Impressioni?

Fatemi sapere e a presto Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

Comments

Couldn’t Load Comments
It looks like there was a technical problem. Try reconnecting or refreshing the page.
bottom of page