OnRainyDays_edited.jpg
  • fedecaglioni

Animali Fantastici – I segreti di Silente

Buongiorno 😊


Oggi parliamo del chiacchieratissimo, e criticato, terzo capitolo della serie cinematografica Animali Fantastici – I segreti di Silente!

Titolo

Animali Fantastici – I segreti di Silente

Titolo originale

Fantastic Beasts: The Secrets of Dumbledore

Regia

David Yates

Anno

2022

Genere Avventura, fantastico

Lingua Inglese

Paese di produzione

Stati Uniti d'America, Regno Unito

Soggetto

J. K. Rowling

Sceneggiatura

J. K. Rowling, Steve Kloves

Cast

Eddie Redmayne, Jude Law, Mads Mikkelsen, Ezra Miller, Dan Fogler, Alison Sudol, Callum Turner, Jessica Williams, William Nadylam, Victoria Yeates, Katherine Waterston, Richard Coyle, Oliver Masucci, Poppy Corby-Tuech, Maria Fernanda Cândido, Fiona Glascott, Dave Wong


Newt Scamander, il grande (e unico) magizoologo autore della guida Gli Animali Fantastici e dove trovarli, sta assistendo alla spettacolare nascita di una creatura magica molto rara quando viene attaccato dai seguaci di Grindelwald, tra cui Credence, l’obscuriale tanto potente quanto instabile.

Sopravvissuto e portato in salvo grazie alle sue creature, Newt continua ad assistere il professor Silente nella sua lotta al mago oscuro, la cui ascesa rischia di portare i membri del mondo magico a una guerra tra loro, ma anche contro i babbani, che Grindelwald reputa inutili e inferiori. E lo scopo di Albus Silente, mentre i maghi si preparano all’elezione del loro leader, è proprio impedire che Grindelwald si presenti alle elezioni e porti avanti i suoi crudeli propositi.

Ma truffare uno dei maghi più potenti al mondo per mettergli i bastoni tra le ruote richiede un piano incredibilmente elaborato, tanto complesso da dare l’impressione che, a tutti gli effetti, un piano d’azione non ci sia proprio. E per metterlo in pratica Silente mette insieme una squadra di maghi (più un babbano) non indifferente: Newt Scamander e la sua valigia colma di creature incredibili (una delle quali estremamente importante); Theseus Scamander, Auror e fratello di Newt; la strega americana Eulalie “Lally” Hicks, il mago franco-senegalese Yusuf Kama, l'assistente di Newt, Bunty Broadacre, e il No-Mag Jacob Kowalski. Ma mentre i magnifici sei scombinano i piani di Grindelwald portando comunque il mago oscuro sempre più vicino alle elezioni magiche, il grande professore porta avanti la propria partita personale con Grindelwald, l’amore e il compagno di gioventù, una vera guerra in cui però è il giovane Credence ad avere il compito di ucciderlo.

Tre storie che si intrecciano e scambiano, mentre Silente cerca di trovare un modo per distruggere un voto di sangue e fermare così per sempre la deriva oscura che sta prendendo piede nel mondo dei maghi, una deriva che ha aiutato lui stesso a costruire.

Animali Fantastici – I segreti di Silente è un film che a livello di costruzione dei personaggi dà tante informazioni su Silente (ma già conosciute da chi la saga la vive come un culto dai tempi di Harry Potter) e sulla sua famiglia (queste meno – o per nulla – rintracciabili), eppure serve più come un ponte verso il futuro e attraverso il quale svincolare Albus Silente e Gellert Grindelwald dal voto di non aggressione che hanno stretto tanti anni prima (oltre a porre rimedio al silenzio sull’omosessualità di Silente in I crimini di Grindelwald). Perché è chiaro che si arriva una guerra tra maghi, ma per adesso c’è solo un dispiegamento di forze, un delinearsi delle fazioni, anche se dal trailer sembra che lo scontro avvenga già qui, per fare in modo che Silente diventi il fulcro dell’attenzione nella lotta contro l’altro mago. Come se Newt Scamander e il suo essere il primo magizoologo sia una cosa di serie b rispetto al grande scontro Silente-Grindelwald.

Sì, questi ultimi due sono i maghi più potenti della storia del mondo magico, ma la serie è Animali Fantastici ed Eddie Redmayne è l’interprete perfetto per dare risalto al personaggio schivo e riservato di Newt Scamander.

È, infatti, lui a dare quel qualcosa in più a una piccola altrimenti povera di avvenimenti significativi; quelli che si susseguono qui sono solo i pezzi marginali di un puzzle e dopo averli visti ti lasciano una sensazione da “Sì, ok, ma quindi adesso mi fai vedere qualcosa di ‘succoso’?”. Peccato che poi il film finisca e si capisca di aver passato poco più di due ore a sentir parlare (tanto) senza che accadesse poi granché di così epico.

La meraviglia a cui il mondo magico ci ha abituato c’è e non c’è, e a far brillare la storia ci pensano solo Newt – perché è meraviglioso a prescindere se interpretato da Redmayne – e Silente stesso, interpretato da Jude Law, che si svela come poche volte è accaduto (e qui si poteva evitare lo scivolone sul suo essere il miglior mago mai nato). Invece le trame introdotte nei film precedenti, come l’esistenza di Credence o la presenza di Tina, si sfaldano all’interno de Animali Fantastici – I segreti di Silente ed è un peccato, perché avrebbero dato più risalto a Newt, cosa logica, che ad Albus, benché sia quest’ultimo e la sua famiglia il focus dell’attenzione.

Mi aspettavo molto di più da questo film, anche perché sembrava davvero ci fosse più movimento, invece sembra una partita a scacchi – rigorosamente babbana, perché quelli magici sono belli attivi!


Fatemi sapere se lo avete visto o se lo vedrete!


Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti