top of page
  • Immagine del redattorefedecaglioni

[Review Tour] “Un chitarrista da sposare" di Julia Wolf

Buongiorno!

Iniziamo la settimana con un review tour dedicato al secondo volume della serie Blue is the color di Julia Wolf e pubblicata in Italia da Heartbeat Edizioni: Un chitarrista da sposare. Protagonisti sono David e Sylvia e vi dico già che l’ho adorato!

Un grazie davvero sentito alla CE per la copia digitale del romanzo!

Copertina

Titolo

Un chitarrista da sposare

Titolo originale

Watch Me Unravel

Autore

Julia Wolf

Traduzione

C. Polimeni

Saga

Blue is the color #2

Editore

Heartbeat Edizioni

Pubblicazione

Novembre 2023

Genere

Music Romance

Formato

Cartaceo (14,90€) ~ Digitale (3,99€)

Pagine

335

Acquisto

L’ho amato per tutto il tempo in cui l’ho odiato…

Un tempo, ero una cattiva ragazza che ha visto un ragazzo ancora più cattivo suonare sul palco, e ne sono rimasta affascinata. Il guaio è che mi notava a malapena finché non mi sono lanciata contro di lui.

È così che mi sono ritrovata a essere un’adolescente incinta con uno sconosciuto come co-genitore. Uno sconosciuto che è diventato una rockstar di fama mondiale mentre crescevo nostra figlia.

Quindici anni dopo, siamo entrambi adulti e probabilmente un po’ più saggi, ma odio ancora David Wiesel tanto quanto lo amo, e lui è ancora un cattivo, cattivo ragazzo. Ecco perché evito di avere a che fare con lui a meno che non riguardi nostra figlia.

Poi, accade l’impensabile e Emma ha bisogno di entrambi. Non posso evitare David anche se lo vorrei, non quando viviamo insieme.

Una scintilla aleggia tra noi, e lui è più che disposto ad alimentare le fiamme. Ma non mi avvicinerò al fuoco, perché un’altra bruciatura da parte di David Wiesel e potrei trasformarmi in cenere.

Greca

Sylvia e David hanno una figlia, Emma, nata quando avevano sedici e diciotto anni, e da allora hanno svolto il ruolo di genitore responsabile (lei) e a intermittenza (lui), entrambi accumunati dall’amore per la figlia. Quindici anni dopo, Sylvia è arrabbiata da morire con David per non esserci mai stato nei momenti più difficili, tanto quanto ancora si aggrappa al desiderio di vederlo trasformarsi nel padre che Emma dovrebbe avere e nell’uomo giusto a farle da compagno. Ma lo odia più di quanto lo desideri. Forse.

David, invece… Farebbe di tutto per Emma, ha rivoluzionato la sua vita per essere degno di chiamarsi suo padre e quando viene a sapere che si è fatta male, molla gruppo e tour per stare con lei. Anche se significa passare del tempo con la donna che per lui è un fantasma, la stessa donna il cui pensiero lo ha ossessionato per anni, la stessa che per lui adesso è una novità da scoprire e svelare.

Ma quando ero con lei era come se tutto il mio rumore si spegnesse.

Costretti a vivere sotto lo stesso tetto perché Emma non può salire le scale con la gamba rotta e l'unica casa accessibile è quella di David, lui e Sylvia, dopo un inizio burrascoso e litigioso, decidono di mettere da parte anni di lontananza e di odio per convivere in modo più o meno salutare mentre la figlia si riprende dopo l’incidente. Tuttavia, convivere senza litigare e senza trasformarsi nel peggior nemico l'uno dell’altra li rende anche estremamente consapevoli di quanto poco si conoscono e di come, più passa il tempo, meno riescano a dimostrarsi ostili tra loro. Soprattutto quando, con un abbraccio del tutto privo di secondi fini, si rendono conto di come la rispettiva presenza nelle loro vite li stia cambiando poco a poco.

Il problema, però, è che Sylvia ha dovuto imparare a essere dura, non crollare mai perché sua figlia ha bisogno di lei e quindi fidarsi di David sembra essere fuori discussione. Lui è il ragazzo di cui si è innamorata quindici anni prima, l’egoista che, anno dopo anno, l'ha lasciata sola ad affrontare gli alti e bassi del crescere la loro figlia, e nonostante l'averlo nella loro vita sembra essere la cosa giusta, sa che, più prima che poi, lui se ne andrà e riprenderà la propria vita fatta tra concerti, tour e relazioni senza impegno, tutto per il suo non essere capace di gestire una vita sedentaria, una normalità che per Sylvia ed Emma rappresenta tutto il loro mondo.

Foto libreria

Ma David, costretto a fermarsi per restare con sua figlia, scopre che una vita tranquilla non è poi una cosa così spaventosa, non se ha accanto Emma per più di pochi giorni come invece era abituato a fare. E soprattutto, se Sylvia inizia a far parte del suo mondo e non ne resta più ai margini, sembra aver trovato una ragione per fermarsi.

La sua presenza mi faceva l’effetto di una brezza fresca in una calda sera d’estate. Una breve tregua dal dolore.

Il problema, tra loro, è mettere da parte anni di dolore e di risentimento che li hanno forgiati e trasformati negli adulti che sono oggi. Forse può funzionare se entrambi cercano di capire chi sono diventati e di ritrovare quel legame nato nel giorno in cui Emma è venuta al mondo e che, nonostante la lontananza e i sentimenti negativi, li ha portati a pensare l’uno all’altra in ogni singolo istante delle loro vite. O forse possono solo continuare a farsi del male.

Un chitarrista da sposare segue la storia di David Wiesel, il chitarrista, per l’appunto, del gruppo Blue is the color, band giunta dopo dieci anni a un momento di stop per riprendere il corso delle loro vite sempre in movimento e capaci di estraniarli da tutto ciò che è importante. dopo aver letto di Dalia e Nick in Un’arrogante rockstar, non solo ero curiosa di scoprire la storia di David, di sua figlia Emma e di Sylvia, ma sono rimasta piacevolmente sorpresa perché, per quanto mi si è piaciuto il primo volume, questo lo supera in modo notevole.

Sarà per il trope delle second chances, o per la convivenza forzata, ma ho adorato le interazioni tra loro, il loro scontrarsi e il cercare lo scontro per avere un rapporto che altrimenti non saprebbero come costruire. Lo stile e il doppio punto di vista permette di empatizzare con entrambi i protagonisti, anche se all’inizio si dà un po' più ragione a Sylvia per quanto riguarda la sua ritrosia nei confronti di David e il suo odio perciò che le ha fatto passare negli anni.

Quando mi guardava in quel modo, perdevo il senso dell’orientamento, come se mi trovassi sul fondo dell’oceano e non sapessi più dove fosse la superficie.

Tuttavia, più David vive con lei e con Emma, più si rende conto di come ciò che aveva prima non basti più e come abbia perso parti fondamentali della sua vita come genitore. è un romanzo intenso, sia dal punto di vista passionale, quindi con scene piccanti tra i due protagonisti che lasciano con il fiato sospeso, ma anche da quello personale, perché c'è una crescita in entrambi e una rivalutazione dei pregiudizi nei confronti dell'altro che li fanno crescere e cambiare in modo positivo. È un romanzo sulle seconde possibilità, sul comprendere le proprie responsabilità e su come gli imprevisti possono cambiare la vita ma non renderla meno bella di quanto sarebbe stata altrimenti.

Sono stata sia triste che felice di finire questo libro perché è stato una storia davvero commovente ed emozionante, una in cui tanti protagonisti quanto i personaggi secondari, come la figlia Emma o gli amici di Sylvia e la mamma di David, riescono a rendere la lettura divertente, intensa e soddisfacente.

4,5 stelle

Ovviamente adesso non vedo l'ora di leggere anche i prossimi due volumi della serie, dedicati rispettivamente al bassista Jasper e al batterista Ian, per sapere cosa ne sarà degli ultimi ultimi due membri del gruppo ancora alla ricerca della propria stabilità e di una vita “normale” dopo gli stressanti tour con i loro fratelli musicisti.

Federica 💋

Post correlati

Mostra tutti

Comments


bottom of page