OnRainyDays_edited.jpg
  • fedecaglioni

[Review Tour] “Un’adorabile bugiarda” di Mariangela Camocardi

Buongiorno 😊

Oggi ho il piacere di partecipare al Review Tour dedicato alla riedizione di un romance storico ambientato in Italia durante il dominio di Napoleone!

Grazie all’autrice per la copia del romanzo!


Più che un incontro, tra Elisa e Giles è stato uno scontro. Lei detesta i napoleonici che hanno conquistato la sua terra, e lui è un francese arrogante, convinto di poter arraffare tutto, persino lei. Eppure le loro strade si incrociano di nuovo, e dalla locanda in cui Elisa serviva, si ritrova a frequentare i salotti più esclusivi di Milano, come una dama del bel mondo. Inimmaginabile! Esattamente come le notti infuocate che lui, l’aristocratico ufficiale francese entrato di prepotenza nel suo destino, le fa vivere.

Italia, inizi del 1800. Napoleone è appena stato nominato Re d’Italia e il Nord è sottoposto alla legge dei francesi, oltre che alla loro presenza sul territorio. Elisa è una giovane di bassa estrazione sociale, lavora come sguattera in postribolo del paese dopo essere stata al centro di uno scandalo che le ha rovinato la reputazione e il futuro benché lei non sia altro che una vittima innocente. Dove lavora, però, alcune cameriere si offrono agli uomini per dei servizi particolari ed è per una di queste che Elisa viene scambiata da un bellissimo quanto borioso militare francese che, fin troppo ubriaco per darle retta, la violenta certo che la sua ritrosia sia solo una messinscena. Sopraffatta dalla rabbia verso gli occupanti e dalla vergogna per essersi lasciata coinvolgere da un uomo tanto abietto, Elisa non ha tempo di lamentarsi per ciò che le è accaduto perché la sua numerosa famiglia ha bisogno di lei, soprattutto adesso che il fratello è stato arrestato per essersi opposto alla leva obbligatoria.

Qualcosa di istintivo aveva avvinto i loro corpi, qualcosa di imprevedibile sfuggito al controllo dalla ragione.

Certa di poter far cambiare idea al capitano delle guardie, la strada di Elisa incrocia quella di Jacques d’Ambois, funzionario francese disposto ad aiutarla con suo fratello in cambio di un favore: deve seguirlo a Milano e aiutarlo a fermare le nozze di Giles de Ronsard con Agnès de Janvry, dichiarando di essere la moglie di Giles e aiutandolo a salvare la donna che ama da un matrimonio combinato. Per quanto Elisa non sia a suo agio con il piano accetta di aiutarlo, solo per ritrovarsi in una chiesa gremita di persone davanti all’ultimo uomo che avrebbe mai immaginato di rivedere! Perché Giles de Ronsard altri non è che il militare francese che ha approfittato di lei.

Cosa diavolo gli stava capitando? Quando mai si era lasciato condizionare dagli scrupoli? Perché avrebbe dovuto perdonarla?

Tra scontri verbali, mezze verità e notti dove la passione tra loro riesce a cancellare per un po’ la situazione tragica in cui si trova, il carattere forte di Elisa la porta a resistere alle angherie a cui Giles la sottopone, anche se sa di essere nel torto e di aver rovinato la sua vita. Ma ciò che non sa di far parte di un piano segreto ai danni non solo di Giles ma anche della guerra che la Francia porta avanti in Europa. Un’adorabile bugiarda parte da un equivoco e finisce per trasformare nel modo più imprevedibile le vite di Elisa e Giles, avvicinando due mondi all’apparenza inavvicinabili e incapaci di adattarsi l’uno all’altro ma che trovano un punto di contatto proprio nel legame fisico. Al di là degli sviluppi funzionali alla storia ho fatto fatica ad apprezzare il comportamento di Giles. Lo capisco, rispetto anche al ruolo della figura maschile in quel determinato contesto storico, ma proprio non è stato facile seguire lo sviluppo della parte romantica tra lui ed Elisa, esserne coinvolta e poi sperare nel lieto fine. Anche perché tutto parte da una violenza, anzi da reiterate violenze, e non è tra i miei elementi congeniali.

Il tempo trascorso insieme a lui erano la sola cosa che avrebbe portato con sé, e d’ora in avanti avrebbe dovuto accontentarsi dei ricordi.

Ciò nonostante, è bello da leggere e quando le incomprensioni iniziano ad appianarsi la storia riesce a conquistare l’attenzione, soprattutto verso l’intrigo che sembra mettere tutto in discussione e portare a un finale sconvolgente. Ad aiutare c’è lo stile e la ricerca di un linguaggio attinente al periodo storico in cui è ambientata, che rendono Elisa e Giles due personaggi perfetti per l’Italia di inizio Ottocento e che li rende una coppia affine, nonostante i presupposti da cui tutto è iniziato, una coppia per la quale fare il tifo, soprattutto viste le sfortune che attraversano il loro cammino. Una storia atipica per la mentalità moderna, ma perfetta per l’epoca che le fa da sfondo.

Potrebbe essere un'immagine raffigurante fiore e il seguente testo "Attraverso l'impotenza generata dall'essere alla merce di un estraneo che l'aveva presa per una donna di malaffare, il suo corpo inaspettatamente reagì. Un fremitole saetto nel sangue e fu percorsa da sensazioni che non avevano nulla che fare con la sua volontà li-contrastarlo. Le labbra calde esploravano le- lambivano la bocca in un susseguirsi di-baci ardenti, solleticando sensi con la consumata maestria di un amante esperto che esige- di essere corrisposto con uguale slancio. Un 'adorabile bugiarda- Mariangela Camocardi"

Ognuna delle partecipanti poi ha potuto fare all’autrice una domanda sul romanzo ed ecco la mia: Il periodo storico scelto presuppone atteggiamenti e un linguaggio ben diversi da quelli moderni. È stato difficile scrivere una storia che rispettasse lo stile dell’epoca? E a livello di lessico? Penso ai grandi romanzi del periodo e c’è differenza con il nostro linguaggio. Quello ti ha dato problemi?

Assolutamente no, Federica. Considera che con la Rivoluzione francese nei rapporti tra “cittadini” si davano del tu. Quando scelgo un’epoca mi documento in ogni modo possibile con biografie, film, documentari. Esiste molto materiale sul periodo Napoleonico, film come Désirée. Mi calo totalmente in quel contesto e quando sono pronta, inizio a scrivere.

La mia tappa si chiude qui, ma di Un’adorabile bugiarda si continua a parlare tutta la settimana! Vi lascio il calendario e i link:

6 settembre – Chiara in Bookland & My Crea Bookish Kingdom 7 settembre – La Nicchia Letteraria 8 settembre – On Rainy Days 9 settembre – I miei magici mondi 10 settembre – Rivendell: Katy Booklover & Silvia tra le righe

Federica 💋

#romancestorico #Unadorabilebugiarda #ReviewTour #Selfpublishing #recensione #MariangelaCamocardi #libri

0 commenti