OnRainyDays_edited.jpg
  • fedecaglioni

“Unravel Me” di Tahereh Mafi

‘Giorno 😊 E buona Pasquetta!

State bene? Tutto tranquillo in questo giorno di festa un po’ strano?

Questa quarantena mi sta aiutando a smaltire un mare di arretrati, tra letture da finire, film e serie da vedere, non so a voi! Comunque oggi si parla di un altro dei miei titoli per #MyLiberaLoScaffale2020! Ah! Se ancora non avete letto il primo volume, meglio se saltate diretti ai saluti 😅


32697625. sy475

Juliette è sfuggita alla Restaurazione e al suo leader che intendeva usarla come arma. Da quando vive al Punto Omega è libera di amare Adam, ma non sarà mai libera dal proprio tocco letale, né da Warner, che la desidera più di quanto lei credesse possibile. Tormentata dal passato e incapace di pensare al futuro, Juliette sa che dovrà compiere delle scelte difficili. Accettare il proprio potere distruttivo per metterlo al servizio della resistenza e, soprattutto, allontanare Adam pur amandolo con tutta se stessa.

Juliette e Adam hanno raggiunto la Resistenza, il Punto Omega, da due settimane e faticano a mettersi al passo con i ritmi della base. Soprattutto Juliette che, dopo aver scoperto quanto bello sia toccare un altro essere umano (soprattutto se l’umano in questione è il ragazzo che ami!), deve rinunciare ai contatti frequenti con Adam per accontentare Castle e scoprire come controllare il proprio potere, e soprattutto determinare quanto ancora riesca a ottenere da esso, per rappresentare la loro arma segreta nella lotta alla Restaurazione. Ma anche Adam è impegnato, sottoposto a numerosi test per scoprire perché lui può toccare Juliette senza soffrire. La ricerca di una risposta a questa domanda, però, porta a due scoperte sorprendenti: non solo il suo ragazzo possiede anche lui dei poteri, ma questi sono capaci di inibire le capacità degli altri, bloccando quella forza misteriosa che li rende speciali, non delle “anomalie” da condannare.

La materia non si crea né si distrugge, mi ha spiegato, e mentre il nostro mondo cambiava lo stesso faceva l’Energia in esso contenuta. Le nostre abilità derivano dall’universo, da altra materia, da altre Energie. Non siamo anomalie: siamo l’inevitabile frutto delle perverse manipolazioni a cui la Terra è stata sottoposta.

Ma non tutto sembra essere positivo nel dono di Adam, perché più tempo passa con Juliette, più crescono i loro sentimenti, meno riesce a gestire le sue abilità e i contatti prima consentiti si trasformano in momenti che Juliette avrebbe desiderato non vivere mai più. In Unravel Me un rapporto fantastico si trasforma nel peggiore incubo della sua protagonista e per cercare di non uccidere la sola persona che può amare davvero, Juliette è costretta a separarsi da Adam, anche a costo di spezzare entrambi i loro cuori. Per Juliette, allora, si aprono due strade: soccombere all’autocommiserazione, scavando di nuovo nel pozzo di solitudine in cui si è nascosta per diciassette anni; oppure alzare la testa, riflettere su che persona voglia essere e capire che, al di là dei propri drammi personali, c’è un intero mondo che sta soffrendo, schiacciato dalla cattiveria di Warren e di suo padre, il Generale Supremo. E sarà proprio l’incontro con il leader della Restaurazione a cambiare la vita di Juliette, ma anche di Adam e Warren, tutti e tre legati da segreti inviolabili, eppure capaci di stravolgere le loro esistenze, i sentimenti reciproci e i destini di tutti coloro che combattono per la libertà.

Quello che davvero intendo è: chi diavolo credi di essere per dirmi che è fantastico essere in grado di uccidere un essere vivente, che è interessante poter intrappolare un’altra vita, che è giusto scegliere una vittima semplicemente perché io sono capace di uccidere senza armi da fuoco. Vorrei dire parole cattive e rabbiosi e dolenti e vorrei gettare implicazioni al vento e fuggire lontano; vorrei scomparire all’orizzonte e buttarmi i bordi della strada sì solo questo mi portasse una parvenza di libertà, ma non so dove andare. Non ho nessun altro posto dove andare.

«Io non sono così.» All’improvviso il suo tono è troppo duro, troppo deciso. «E non cambierò. Non posso cancellare i diciannove anni infelici che ho vissuto. Non posso smarrire il ricordo di tutto quello che ho fatto. Non posso svegliarmi un mattino e decidere di vivere di sogni e speranze presi in prestito. Con la promessa di un futuro migliore fatto da qualcun altro. «E non ti mentirò» dice. «Non me n’è mai fregato niente degli altri, non faccio sacrifici né compromessi. Non sono buono, giusto o per bene, e non lo sarò mai. Non posso. Perché tentare di essere una qualsiasi di queste cose sarebbe imbarazzante.»

Unravel Me è un capitolo di transizione, dove emergono dei personaggi secondari e un anti-coprotagonista con i fiocchi, ma questo avviene un po’ a discapito della coppia di protagonisti che tanto mi era piaciuta in Shatter Me. Adam e, soprattutto, Juliette risentono un po’ di questa disparità tra i due libri, nonostante la narrazione in prima persona adottata da Tahereh Mafi sia sempre super coinvolgente e azzeccata, specie nei capitoli e nelle parti in cui Juliette interagisce con Warren. Lui è davvero una rivelazione, secondo me, un cattivo estremamente affascinante e che promette grandi cose!

Sarebbe 3,5 ma, hey, che ci posso fare se ho sviluppato una certa preferenza per Warren?! I cattivi hanno sempre quel non so che a renderli più attraenti, non trovate? Comunque… Conoscete la saga? L’avete già letta oppure è un genere che non fa per voi?

Buona giornata Federica 💋

#iorestoacasa #ioleggoacasa

#ShatterMeseries #TaherehMafi #Juliette #distopico #MyLiberaLoScaffale2020 #Adam #Pasquetta #recensione #UnravelMe #libri #fantasy

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti