top of page
  • Immagine del redattorefedecaglioni

Sex Education [2ª Stagione]

Ciao 😊 buon venerdì a tutti!

Finalmente, con la tesi ultimata, sono riuscita a recuperare almeno una tra le serie arretrate! Iniziamo dalla prima!


Titolo Sex Education Ideatori Laurie Nunn Paese Regno Unito Anno 2019— Genere Commedia, drammatica Stagioni 2 Episodi 16 Lingua Inglese Cast Asa Butterfield, Gillian Anderson, Ncuti Gatwa, Emma Mackey, Connor Swindells, Kedar Williams-Stirling, Alistair Petrie, Mimi Keene, Aimee Lou Wood, Chaneil Kular, Simone Ashley, Tanya Reynolds, Mikael Persbrandt, Patricia Allison, James Purefoy



L’anno di scuola ricomincia e Otis ritorna senza più la clinica a tenerlo occupato, né Maeve, cacciata a causa del fratello e dello spaccio al ballo di fine anno. Ma se prima non aveva idea del perché gli adolescenti fossero tanto ossessionati dal sesso, adesso che ha una ragazza per Otis si è aperta una nuova fase nella scoperta della propria sessualità. Ma tutta questa concentrazione su se stesso lo porta a non capire i bisogni di Ola, mettendo in difficoltà il loro rapporto e aprendo per entrambi nuovi orizzonti. Ma poi a scuola si diffonde la clamidia e tra falsi miti, fake news e allarmismi generali, Otis ricomincia a dare consigli, superato però da sua madre, chiamata come consulente scolastica per mettere un punto fermo a tutte le sciocchezze che circolano tra le mura scolastiche.

A fare ritorno è anche Maeve che, facendosi valere e ripagando i torti subiti, ottiene il suo posto a scuola nella classe di letteratura avanzata e nella squadra di “tuttologi” da quiz della scuola, lavorando insieme per provare anche a ricostruire un rapporto con sua madre e sua sorella minore. Un rapporto che viene messo in crisi dagli errori del passato e del presente. Come nella stagione precedente, la serie ruota attorno a diverse coppie, come Otis e Ola, Ola e Lily, Eric e Rahim (nonché Eric e Adam), e Jackson e Vivienne, il belloccio e la secchiona che escono dai classici cliché delle storie adolescenziali. Ma è anche un focus sui singoli personaggi, raccontando sfaccettature ed esperienze vissute e che comunque hanno a che vedere con la sessualità, puntando il dito su aspetti più spiacevoli e comunque provanti, disturbanti per i soggetti più fragili. Un aspetto, questo, che differenzia la stagione dalla precedente e che rende la serie un po’ più terra terra.

Altra differenza sono gli estenuanti richiami al luogo in cui si trovano e che si fanno prolissi, come se avessero ascoltato le critiche e avessero cercato di porre rimedio, ma in modo troppo pronunciato, arrivando a saturare la serie con la loro inutilità. Se prima non ce n’erano, adesso ce ne sono troppi e non fanno che rendere lenta la storia e senza aggiungere nulla di ché. Insomma, invece di migliorare, Sex Education perde l’originalità che la caratterizzava e va a mettere in crisi dei rapporti che forse avrebbero dovuto essere semplificati e non complicati, come invece accade tra Otis e Maeve. Si poteva chiudere anche con due stagioni, ma qui si evince che si vuole continuare ancora una volta, magari aggiungendo altri tasselli che, per me, potevano anche non esserci.

Beh un calo drastico dalla prima stagione!

Voi l’avete vista?

Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

The Boys

Comments


bottom of page