top of page

Sex Education [1ª Stagione]

Buongiorno e buon Giovedì!

La settimana è già oltre la metà e in vista del weekend vi parlo di una serie perfetta da vedere se non avete nulla da fare nei prossimi giorni.


Titolo Sex Education Ideatori Laurie Nunn Paese Regno Unito Anno 2019— Genere Commedia, drammatica Stagioni 1 Episodi 8 Lingua Inglese Cast Asa Butterfield, Gillian Anderson, Ncuti Gatwa, Emma Mackey, Connor Swindells, Kedar Williams-Stirling, Alistair Petrie, Mimi Keene, Aimee Lou Wood, Chaneil Kular, Simone Ashley, Tanya Reynolds, Mikael Persbrandt, Patricia Allison, James Purefoy


Otis Milburn sarebbe un sedicenne come tanti altri, se solo non avesse per genitori due scrittori e terapisti sessuali e se non stesse vivendo con una madre ben troppo aperta nel condividere le proprie teorie e conoscenze con lui.

Otis quindi è particolarmente attento verso i problemi altrui, specie se di natura sessuale, e questo lo porta, dopo aver soccorso il bullo della scuola, a unirsi a Maeve per diventare il terapista sessuale della sua scuola, trascinando la sua invisibile vita e quella del suo migliore amico Eric al centro dell’attenzione di tutti. La prima stagione di Sex Education è fatta davvero bene, perché in otto episodi riesce a portare al centro dell’attenzione diverse problemi e temi legati al sesso, molto spesso visti come tabù, senza farlo in modo volgare o scontato, ma dando il giusto equilibrio tra serietà e divertimento. Otis è pur sempre un sedicenne, incapace tra l’altro di concepire la propria sfera sessuale a causa dei suoi genitori, che si erge a terapeuta dei suoi coetanei mostrando tanto la sua insicurezza e inesperienza, quanto la capacità si empatizzare con loro e loro problemi, approfondendone le cause anche a costo di ritrovarsi in situazioni compromettenti e decisamente imbarazzanti. Oltre al sesso, però, vengono avvicinate altre tematiche più o meno vicine (dall’omosessualità all’aborto, dal rapporto tra coetanei a quello tra genitori e figli) che coinvolgono un po’ tutta la scuola ma che si focalizzano quattro coppie:

Otis e Maeve, la ragazza diversa ma estremamente intelligente che gestisce i soldi delle loro sedute e che rappresenta il primo contatto di Otis con le ragazze; Otis ed Eric, l’amico storico che si vede messo da parte e che deve trovare da solo il proprio ruolo e la propria identità; Maeve e Jackson, l’atleta e caposcuola che rappresenta tutto ciò che Maeve (e Otis, di riflesso) non riescono a essere; e infine Eric e Adam, il bullo della scuola che fa di tutto per rovinargli la vita e che sembra non sopportare nemmeno la sua presenza. Ognuna di queste coppie ruota attorno e influenza le altre, affrontando diversi aspetti fondamentali dei rapporti umani a metà tra il drama e la comedy, alternando infatti momenti più seri ed emotivamente profondi ad altri più leggeri, in cui non si riesce a non ridere. Questo duplice tono è, per me, il punto forte della serie, perché tratta dei temi profondi con la leggerezza e l’inesperienza degli adolescenti senza sminuirne per questo l’importanza.

Ovviamente ve la super consiglio!! Da vedere, anche perché si fa in fretta a consumare i suoi episodi (e a smaniare per una seconda stagione!). Se, invece, già la conoscete, sono curiosa di sentire come vi è sembrata 😉

Grazie per essere passati a leggermi.

A domani Federica 💋

0 commenti

Post correlati

Mostra tutti

The Boys

Comments


bottom of page